#presidenzialiRussia La rivoluzione grazie al wifi?

Perché è scoppiata la “rivoluzione democratica” a Mosca?
Ognuno degli interlocutori che abbiamo incontrato nel corso del viaggio di turismo responsabile di Annaviva ha fornito la sua risposta: gente stufa, stagnazione etc.
Io ho avuto una sensazione netta osservando ragazzi e ragazze incollate ai computer, telefonini e Ipad nei locali di tutta Mosca.
Qui ovunque c’è il wifi gratis e senza limiti. Fuori fa freddo e la vita passa dagli appartamenti al metrò (dove si rvedono più Ipad che a Milano) fino ai locali, ristoranti ma soprattutto bar.
Qui i ragazzi chiacchierano (amoreggiano) e chattano allo stesso tempo. Scoprono quelle informazioni che per 12 anni sono stati nascoste dalle tv del regime.
La rete ha polverizzato tutto questo.
Facebook ha dato il la alla organizzazione della protesta. E Navalnij ne ha offerto i contenuti critici.
Difficile per il regime ora fermare tutto questo.
Con internet le aziende russe fanno affari. Mettere dei filtri, in tempo di crisi, potrebbe esser devastante e inutile.
Domani si vota.
Ma da lunedì sarà di nuovo la rete a dettare i tempi della politica russa. Una novità assoluta.
Ad maiora

20120303-193144.jpg

0 comments

    1. Grazie Luigi. Ci pensavo poco fa. Sono vent’anni che seguo l’Est Europa. Dall’indipendenza slovena fino a questo movimento di rivolta in Russia. Ogni volta, ammiro la loro determinazione e imparo cose nuove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *