L’Italia arresta un collaboratore della Tymoshenko

Come successo a Ivan Kostin (di cui Annaviva si occuperà – per evitarne l’estradizione in Russia – il 3 aprile alle 13 all’Ostello Bello di Milano), un altro arresto in Italia.
In manette questa volta un collaboratore della Tymoshenko, già vittima di un “processo politico” nella sua Ucraina:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/03/27/visualizza_new.html_157736026.html
In manette Arsen Avakov, dirigente di Patria, il partito “arancione” della pasionadiaora in cella.
Da noi li fermano tutti. Anche i ceceni con status di rifugiato in altro paese europeo. Poi sono costretti a liberarli.
Speriamo che Avakov, ricercato per “abuso di potere”, non venga estradato.
In Ucraina non vengono rispettati, come dimostra la foto che accompagna questo pezzo, i diritti minimi dei detenuti.
Ad maiora.

20120327-174417.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *