Il saluto di Brevik e quello de L’onda

Entra ammanettato. Sorride.
Poi si esibisce in quel saluto che molti media hanno definito fascista o nazista. Ma che è fatto col pugno chiuso.

Così Andreas Brevik ha fatto il suo esordio nel processo per la strage di Oslo. Dove si dovrà decidere se è incapace di intendere e volere. Lui, assassino reo-confesso, non riconosce la corte e chiede l’assoluzione per aver ucciso giovani “attivisti” di sinistra.

Le immagini di Brevik mi hanno riportato alla mente quel bel film che è L’onda di Dennis Gansel:

Chi non è con noi, è contro di noi.
Il resto viene di conseguenza.
Ad maiora.

20120417-191124.jpg

0 comments

  1. No, guarda Andrea, il pugno chiuso non c’entra nulla, Brevik è manifestamente nazista, nei contenuti dichiarati e nei comportamenti praticati. Hai fatto bene a citare L’Onda, i meccanismi sono gli stessi,con una differenza importante: li’ l’autoesaltazione collettiva, nel caso di Brevik la (parziale) solitudine del web. Non è un pazzo, è un fanatico lucidissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *