Capaci, venti anni fa

A Radiouno Rai, dove è in corso una meritoria diretta – lunga un giorno – sulla strage di Capaci, chiedono a chi interviene dove fosse quando apprese la drammatica notizia di venti anni fa.
Io, oggi sempre connesso dall’alba fino a sera inoltrata, allora non seppi la notizia. Eppure facevo già il giornalista.
Ma ero in trasferta a Saintes-Maries-de-la-Mer, nella meravigliosa Camargue, per raccontare l’incontro annuale degli zingari europei.
A quei tempi (1992, non 1892) non solo non c’erano i telefonini. Ma molte macchine della Rai erano (a differenza di tutte le altre) sprovviste di autoradio.
Scoprii della morte di Falcone la mattina dopo, chiamando i miei genitori. Pochi giorni dopo, mi regalarono una radio a onde corte che, prima dell’arrivo di iPhone e Ipad, mi ha accompagnato nelle decine di trasferte internazionali che ho avuto la fortuna e il privilegio di fare.
Un pensiero a chi non c’è più.
RIP
Ad maiora

20120523-070501.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *