0 comments

  1. E hanno ragione. Dal 1959 al 1962 Cuba fu un interessante esperimento ‘liberal’ (in senso anglosassone, ovviamente), sorto da una giusta rivoluzione contro il fascismo di Batista, che in pratica aveva fatto diventare la maggiore isola-nazione caraibica il bordello-sala da gioco dei gangster statunitensi. Poi divenne satellite sovietico, quindi una dittatura mafio-sovietica familiare: ebbe, da allora, tutto in mano, impoverendo il paese per propri interessi, appunto il clan mafio-sovietico dei Castro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *