Le tartarughe del centro WWF di Lampedusa


// // <![CDATA[
try {window.ytbuffer = {};ytbuffer.handleClick = function(e) {var element = e.target || e.srcElement;while (element.parentElement) {if (element.className.match(/(^| )yt-can-buffer( |$)/)) {window.ytbuffer = {bufferedClick: e};element.className += ‘ yt-is-buffered’;break;}element = element.parentElement;}};if (document.addEventListener) {document.addEventListener(‘click’, ytbuffer.handleClick);} else {document.attachEvent(‘onclick’, ytbuffer.handleClick);}} catch(e) {}
(function(){function a(g,h,b){var k=document.getElementsByTagName(“html”)[0],e=[k.className];g&&1251<=(window.innerWidth||document.documentElement.clientWidth)&&(e.push(“guide-pinned”),h&&e.push(“show-guide”));b&&(b=(window.innerWidth||document.documentElement.clientWidth)-21-50,1251<=(window.innerWidth||document.documentElement.clientWidth)&&g&&h&&(b-=230),e.push(” “,1262<=b?”content-snap-width-3”:1056// //

Questa tartaruga della specie Caretta caretta è una delle tante che viene curata nel Centro di recupero tartarughe marine di Lampedusa. Sono ferite da ami o reti. Ma spesso finisco qui, malmesse, anche per aver ingerito accidentalmente pezzi di sacchetti di plastica (scambiati dalle tartarughe, per meduse, i cui come si vede nel video sono ghiotte) buttati a mare da idioti.
È possibile visitare il centro dalle 17 alle 20. Si trova nel porto vecchio di Lampedusa.
Il centro vive sopratutto grazie all’attività di volontariato.
Ad maiora

IMG_2223.JPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *