Non avrete il suo odio (e nemmeno il mio)

“Se vi odiasse vi farei un regalo. È quello che cercate, ma rispondere all’odio con la collera sarebbe cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Volete che abbia paura, che guardi i miei concittadini con occhi diffidenti, che sacrifichi la mia libertà per la sicurezza. Partita persa. Il giocatore continua a giocare”. Antoine Leiris – poche ore dopo la strage – aveva diretto queste righe ai terroristi del Bataclan, quelli che le avevano portato via sua moglie Helene, lasciando lui e suo figlio Melvin da soli.

Ma soli non sono rimasti come dimostra la gara di solidarietà scattata tra le madri dell’asilo frequentate dal piccolo. È una delle parti più toccanti di “Non avrete il mio odio“, il libro di Leiris che da oggi è in vendita in abbinamento al Corriere della sera.

“Pochi comprendono perché sorvolo velocemente sulla situazione in cui Helene è stata uccisa. Mi domandano se ho dimenticato o perdonato. Io non perdono niente, non dimentico niente, non sorvolo sue niente e soprattutto non velocemente. Quando gli altri saranno tornati alla loro vita, noi continueremo a convivere con tutto questo per sempre”. 

Frasi dure e lucide che ti lasciano a bocca aperta sopratutto perché scritte nei giorni successivi al Bataclan. Ma d’altronde c’è chi usa il mitra. E chi le parole per difendersi. Anche dai luoghi comuni: “Si ha sempre l’impressione, quando si guarda qualcosa da lontano, che chi sopravvive al peggio sia un eroe. Io so di non esserlo. La fatalità ha colpito me, ecco tutto. Non ha chiesto il mio parere. Non ha cercato di sapere se ero pronto. È venuta a prendere Helene, e mi ha obbligato a svegliarmi senza di lei”.

Su Antoine Leiris, rimasto a fare da padre e da madre per il piccolo Melvil, pesa anche la paura del futuro: “Paura di non essere all’altezza di quello che ci si aspetta da me. Avrò ancora il diritto di non essere coraggioso? Il diritto di essere in collera. Di essere sopraffatto. Il diritto di essere stanco. Il diritto di bere troppo e di continuare a fumare. Il diritto di vedere un’altra donna, di non uscire più con nessun altra donna. Il diritto di non amare, mai più”.

Un libro davvero bello questo “Non avrete il mio odio“. Prendetelo e leggetelo. Per non dimenticare. Ma anche per guardare avanti, malgrado tutto.

Ad maiora 

………..

Antoine Leiris

Non avrete il mio odio

Pagg.120

Euro 8.50 (in vendita col Corriere della sera)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *