Category Archives: Pensieri

Treni italiani e svizzeri: rumore vs silenzio 

Raramente mi capita di viaggiare sui treni elvetici. Ed è un vero peccato. Perché la differenza abissale con quelli italiani salta subito all’occhio, anzi all’orecchio.
Mi era già successo prendendo un treno veloce in Corea del Sud, dove compaiono ovunque gli inviti a fare silenzio.

Sui treni svizzeri forse non c’è neanche bisogno di dirlo. Viene in automatico. E così il viaggio è decisamente più rilassante.

Niente a che vedere con i treni italiani. Sulle Frecce ogni tot viene sparato a tutto volume un annuncio pubblicitario (preceduto e seguito da un fastidioso jingle). Spesso inutile. Quasi sempre sgradito.

E non va meglio sugli inter-regionali. Ho preso un treno da Modena a Milano e ad ogni fermata  ci venivano segnalati i tre treni in partenza dalla stazione nella quale stavamo arrivando. Alcuni ti incitavano pure a tornare sui propri passi (è in partenza il treno per Cesena, mentre io stavo andando a Nord). Il tutto ovviamente – per rompere maggiormente i timpani – in italiano e in inglese (con differenze minime, peraltro). A questo, con decibel sempre più alti, si aggiungono tutti i cafoni che urlano nel microfono come non ci fosse un domani.

Ma leggere o dormire non sono più opzioni fattibili sui nostri treni?

Ad maiora

 

Caro uomo. Sto aspettando. risposta

Nuova esempio di phishing mail. Questa volta di Aleksandra, mio nuovo amico…!

Ad maiora

 

Saluti! Saro molto felice di conoscerti! Il mio nome e Aleksandra!

Infine, la primavera e arrivata! La primavera e un momento di amore e di bellezza!

Oggi sono in gran forma, e ha deciso di conoscerti!

Io non inseguo ricchezza e il denaro. Voglio solo il dialogo e la sincera amicizia. Voglio trovare l’amore!

Sto aspettando le vostre lettere. Raccontaci di te stesso!

Sono molto interessato a conoscere la vostra vita! Il tuo nuovo amico Aleksandra!

 

Il problema di Milano? Il traffico, anzi: i parcheggi

In questi giorni il tema parcheggi, spin-off di quello – gravoso e assassino – del traffico è al centro dell’attenzione di Milano. Dapprima un ex ministra che si lamenta con un video delle multe. Poi un’assessora che imbratta una macchina parcheggiata in divieto (notizia che incredibilmente è, tutt’oggi, in prima pagina sul milanocentrico Corriere della sera).

Del traffico milanese parla anche Alessandro Robecchi nel recente e bello “Di rabbia e di vento“: «Quando è arrivato a destinazione ha fatto un paio di giri dell’isolato perché non c’erano parcheggi, ovvio, poi si è iscritto alla maggioranza silenziosa: seconda fila e doppie frecce. Abbiamo nutrito il pianeta, siamo un modello per il paese, su, lasciateci posteggiare come cazzo ci pare».

Purtroppo questo è un atteggiamento tanto, troppo diffuso che non è diminuito nemmeno con l’amministrazione Pisapia. Mi capita spesso di girare in auto per l’Italia. E il traffico incattivito che trovo a Milano non ha riscontri in nessun altra città italiana. Come dimostrano i dati del rapporto Traffic Scorecard di Inrix che catalogano il capoluogo lombardo come quello in cui i cittadini perdono più tempo al volante.

Che le cose non funzionino, lo dimostra quanto accade quotidianamente, da un anno a questa parte, in viale Tunisia. Questa è una importante arteria che attraversa Corso Buenos Aires e che funge da punto di connessione tra vari settori nevralgici della città, come Città studi e piazza Gae Aulenti. È una strada a quattro corsie con quelle centrali dedicate ai mezzi pubblici.

Dal 2015 il Comune di Milano ha realizzato proprio su viale Tunisia una bella pista ciclabile. Togliendo, sulla carta, parecchi parcheggi. Scrivo “sulla carta” perché, nella realtà, quei milanesi di cui parla Robecchi non hanno mai smesso di parcheggiare, abusivamente, in viale Tunisia. Qualcuno mette le quattro frecce ma i più se ne fregano, parcheggiano in divieto e basta. Così viale Tunisia è diventata una strada super-trafficata dove le auto sono costrette a viaggiare sulla corsia dei tram, rallentando tutti i mezzi pubblici.

Mi è persino capitato di vedere macchine in doppia fila (doppia fila in sosta vietata!) vicino ai negozi di Buenos Aires. Da allora ho deciso di cambiare percorso ed evito di incolonnarmi su questa strada.

Il problema di Milano è davvero il traffico, che uccide. Anche nel 2015 la città, pur migliorando, ha “vinto” la classifica italiana dello sforamento del PM10, con 86 giorni sopra la soglia consentita dei 50 microgrammi per metro cubo per le polveri sottili.

Ad maiora

 

Non avevo mai avuto Conoscere tramite Internet

Altra mail phishing. Tradotta ovviamente da un programma distratto… Non ho domande da chiedere. Ma tra poco vado anche io a visitare la piscina.

Ad maiora

 

Ciao il mio nuovo amico! sono Oksana. Sono socievole, ragazza interessante, ma io sono molto sola, purtroppo. Nella vita reale, non riuscivo a trovare un compagno, e cerchero di farlo su Internet. Vi diro di piu su di me in queste lettere. Non avevo mai avuto Conoscere attraverso Internet. Recentemente ho imparato che si puo trovare un sacco di amici su Internet. Cosi ho deciso di cercare di trovare il suo destino come ha fatto per molte donne in tutto il mondo. Come ho detto Ksushenka, io vivo in Russia. Sono ragazza molto timida, e se io vi ho amato, che ti chieda domande, ho sempre risposto. Mi piace fare sport, costretti ad andare in palestra piu volte alla settimana. A volte mi trovo a visitare la piscina. Atteggiamento negativo per sigarette. Ma a volte non mi posso permettere di rilassarsi in compagnia di amici. Vivo da solo per molto tempo. E spero che avremo presto conoscere e di diventare piu. Ho anche allego la mia immagine, spero piaccia. Inoltre, assicurarsi di inviarmi la vostra gotographia. Scrivi a me con il tuo nome, in modo da poter correttamente riferimento a te. Un giorno saro in grado di effettuare una chiamata. Mi auguro che saremo buoni amici! Vi prego, se mi si risponde, quindi ho bisogno di avere intenzioni serie. Vi prego, se mi si risponde, quindi ho bisogno di avere intenzioni serie. Assicuratevi di scrivere il vostro nome, e inviare le Foto. Prometto che saro una donna molto interessante e spesso rispondere a te, cio che e richiesto da voi. Essere sicuri di scrivermi. Vorrei anche rispondere immediatamente quando vedo la vostra lettera. Il mio nome e Oksana!

Essere senza destino di Imre Kertész

Addio a Emre Kertész, autore di Essere senza destino

Ho letto Essere senza destino proprio in questi giorni, nei lunghi trasferimenti al seguito dell’Under 21. E ho subito capito perché a Imre Kertész sia stato dato, nel 2002, il Premio Nobel per la letteratura. Purtroppo lo,scrittore ungherese è morto ieri, dopo aver a lungo combattuto contro il Parkinson. Aveva 86 anni.
Essere senza destino è davvero un capolavoro. Davvero un modo inedito di raccontare la Shoah. Kertész narra la sua esperienza nei campi di sterminio di Auschwitz e Buchenwald mantenendo lo sguardo dell’adolescente che ha varcato quei cancelli sull’inferno. Non ci aggiunge le sovrastrutture del tempo e dell’esperienza. Rimane per tutto  il libro più stupito che rabbioso.
Per questo Essere senza destino è decisamente uno dei più stupefacenti racconti dei sopravvissuti alla Shoah che abbia mai letto. E per questo credo sia stato accolto a fatica dal regime comunista ungherese. Kertész infatti non trovo editori ungheresi per il suo racconto e la fama (Nobel compreso) è arrivata solo con la caduta del Muro.
Il libro di Kertész non ha infatti nulla di epico. Persino il racconto del suo ritorno a Budapest (dove è deceduto ieri) è minimalista. Così descrive l’incontro coi suoi ex vicini di casa (ex perché la sua casa era stata ormai occupata da qualche ariano, ora magari diventato comunista). Lui sopravvissuto ai campi, loro sopravvissuti per aver girato la testa dall’altra parte quando gli ebrei venivano deportati: «”E in generale,” ho aggiunto, “io non mi sono accorto degli orrori”, e allora li ho visti tutti piuttosto sbalorditi. Cosa significava che “non mi ero accorto”? Ma a questo punto ho domandato cosa avessero fatto loro in questi “tempi difficili”. “Be’…abbiamo vissuto”, ha risposto il primo con aria pensierosa. “Abbiamo cercato di sopravvivere” ha aggiunto l’altro».
Se non avete ancora letto il libro di Kertész, fatelo in questi giorni. Essere senza destino (Feltrinelli) è davvero un testo imperdibile.
Ad maiora

Scritta IRA su un muro irlandese

Dark Deed

In the darkest part of the night, probably dressed in dark clothes, dark man did a dark, dark deed, bringing us to this place today, leading the loss of Izzy, causing us to travel through the valley of the shadow of death.
Queste le parole del reverendo Brian Anderson, presidente della Chiesa Metodista d’Irlanda, ai funerali di Adrian – Izzy – Ismay, 52 anni, agente della polizia penitenziaria, ucciso a Belfast da una bomba posta sotto la sua auto dalla “Nuova Ira”

Brano tratto da The Irish Times di oggi.

È la seconda vittima della New Ira.

(La foto che accompagna questo post l’ho scattata poche ore fa a Waterford, nel sud dell’Irlanda)

Ad maiora

Oggi mi scrive una nuova amica: Elizaveta…

Spam, mal tradotto…

Ad maiora

……………………………….

Hi,. sono Elizaveta. Sono socievole, ragazza interessante, ma io sono molto sola, purtroppo. Nella vita reale, non riuscivo a trovare un compagno, e cerchero di farlo su Intern. Vi diro di piu su di me in queste lettere. Non avevo mai avuto datazione su Internet. Recentemente ho imparato che si puo trovare un sacco di amici su Internet. Cosi ho deciso di cercare di trovare il suo destino come ha fatto per molte donne in tutto il mondo. Come ho detto Il mio nome e Elizaveta, Io vivo nella citta di Tollyati – una piccola citta in Russian Federation. Sono ragazza molto timida, e se io vi ho amato, che ti chieda domande, ho sempre risposto. Mi piace fare sport, costretti ad andare in palestra piu volte alla settimana. A volte mi trovo a visitare la piscina. Atteggiamento negativo per sigarette. Ma a volte non mi posso permettere di rilassarsi in compagnia di amici. Vivo da solo per molto tempo. E spero che avremo presto conoscere e di diventare piu. Ho anche allego la mia Photo, spero piaccia. Inoltre, assicurarsi di inviarmi la vostra Foto. Non vedo l’ora di attendere la sua risposta alla mia lettera : Scrivi a me con il tuo nome, in modo da poter correttamente riferimento a te. Un giorno saro in grado di effettuare una chiamata. Mi auguro che saremo buoni amici! Essere sicuri di scrivermi.

Si prega di scrittura SOLO alla mia privato email…

Vorrei anche rispondere immediatamente quando vedo la vostra lettera. La tua nuovo amica Elizaveta!

Piero Gobetti

L’ultimo testo di Piero Gobetti

L’ultima visione di Torino: attraverso la botte di vetro traballante che va nella neve: dominante l’enorme mantello del vetturino (che è l’ultima sua poesia). Saluto nordico al mio cure nordico.

Ma sono io nordico? E queste parole hanno un senso? Valgono per le polemiche queste antitesi dottrinali, e anche di gusti, di costumi, di ideali. Mi sentirò  più vicino a un francese intelligente che a un italiano zotico – ma quando mi proporrò delle esperienze intellettuali, quando li guarderò per la mia cultura. Io sento che i miei avi hanno avuto questo destino di sofferenza, di umiltà: sono stati incatenati a questa terra che maledirono e che pure fu la loro ultima tenerezza e debolezza. Non si può essere spaesati.

T. (probabilmente il filosofo Adriano Tilgher) dice che è meglio un paese civile. Ossia pensa che potrà fare meglio i suoi articoli. Egli ha rinunciato a ogni altra risonanza. Io sento che la mi azione altrove non avrà il sapore che ebbe qui: che le sfumature non saranno intese: che non ritroverò gli stessi amici che mi capivano.

Il cinismo era una difesa contro il sentimentalismo che ripugna il mio ideale virile. Ma io sarei desolato se la mia vita si riducesse a una rigorosa esecuzione di un piano e se non avvertissi in me, difficile a dominare, nei momenti più difficili, il tumulto della vita e l’ansia degli affetti.

Il senso del fato – non come punto di partenza, ma come indifferenza alle vicende – quando si è sicuri di sé. Non mi importano i risultati perché li accetto come misura della mia azione, di me (un’altra misurazione della volontà sarebbe complicata e impossibile). Bisogna essere se stessi dappertutto. Naturalmente non si deve essere isterici e si può essere tranquilli solo se non si cercano delle conferme. La concezione della vita come serie di esami è stupida: tutto si riduce invece all’aver credito, al non aver bisogno di esami perché si è qualcosa (si intende sempre socialmente).

Scritto pubblicato postumo il 16 marzo 1926 su Baretti. Piero Gobetti moriva a Parigi 90 anni fa oggi, esule, per le conseguenze dei pestaggi fascisti. In quella città europea è ancora sepolto. Il suo motto Che ho a che fare io con gli schiavi rimane una delle fondamenta della mia vita.

Ad maiora

La A1 tra Bologna e Firenze, il vecchio tracciato è senza traffico

Un’autostrada senza camion? Evitate la Variante di Valico

Qualche giorno fa, tornando da Firenze, ho deciso di lasciare la nuova strada per intraprendere la vecchia. Al bivio ho quindi evitato la Variante di Valico e mi sono arrampicato sullo storico tracciato della A1. Una opzione che si è rivelata tutt’altro che sbagliata.

Ci sono tanti sali scendi e tante curve, come in ogni strada di montagna che si rispetti. Ma non c’è più assolutamente traffico.

Ieri sentivo a Isoradio che il 100 per cento del trasporto su gomma transita ora sulla Variante di Valico e quindi, allo stato, il vecchio tracciato della A1 è una strada per sole automobili. Fantastico! Sopratutto in un paese arretrato come il nostro dove le merci sono tutte spostate da un fiume di camion e tir.

Sapevo che la vecchia A1 è diventata, negli ultimi due mesi (da quando cioè ha aperto la Variante di Valico tra Bologna e Firenze) una sorta di strada “sconsigliata” (sopratutto da Google Maps, vero filo conduttore delle vite stradali – e pedonali – di tanti di noi). E avevo letto le preoccupazioni sindacali per il futuro del personale di uno dei più noti autogrill del nostro paese, quello di Roncobilaccio.

E dunque ho provato a fermarmi allo storico autogrill. A pranzo eravamo in tre… L’unico panino vegetariano era quello con pomodoro e mozzarella, a testimonianza del fatto il tempo qui si è davvero fermato. Ho chiesto a chi mi ha fatto benzina di quanto fosse diminuito il traffico e mi ha detto del 70 per cento. Aggiungendo poi: “Ma l’altra strada è così bella che come si fa a non percorrerla…?”.

autogrill roncobilaccio deserto
Una strada bella (e moderna, sopratutto nelle gallerie) ma per ora senza un autogrill e con troppi camion. Mi sa che la prossima volta eviterò di nuovo la Variante e passerò per questa vecchia autostrada appenninica.

Ad maiora

 

Il Dalai Lama a Milano

A ottobre torna il Dalai Lama a Milano

Ricevo e volentieri diffondo questa notizia che mi arriva dall’Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling. A Ottobre tornerà infatti il Dalai Lama a Milano. Spero di essere libero in quel periodo e di poter avere di nuovo l’opportunità di incontrarlo. Nelle due precedenti visite, ho avuto il piacere (e l’onore) di intervistarlo.

La prima volta fu nel 2007, al Palasharp (struttura ormai in abbandono) la seconda nel 2012 al Forum di Assago.

Per la prima intervista, per prepararmi al meglio (da noi a scuola fanno catechismo, non insegnano religione), lessi praticamente tutto quello che potevo, scritto da lui o su di lui. L’incontro e l’intervista, pur collettiva, furono davvero emozionanti. Da allora smisi di bere alcol. Non perché avessi aderito al buddismo ma per cercare di essere sempre presente a me stesso.

Nella seconda visita, rammento che gli feci una domanda politica (il Comune di Milano gli aveva negato la cittadinanza onoraria) e che rispose sempre con parole di apertura. Anche verso il regime cinese. Al tempo di quel secondo incontro avevo smesso di mangiare carne e pesce. Sempre seguendo il suggerimento di “conoscere se stessi”.

La cosa che stupisce di più del Dalai Lama è la sua sonora, contagiosa, risata. Che spero di tornare a sentire il prossimo ottobre.

Ad maiora

……………………………..

Care amiche e cari amici,

siamo molto lieti di informarvi che, grazie all’impegno delle nostre Guide Spirituali il Ven. Thamthog Rinpoche e il Ven. Tenzin Khenrab Rinpoche, Sua Santità il XIV Dalai Lama ha accettato il nostro invito di dare i Suoi preziosi insegnamenti a Milano il 21 e 22 ottobre 2016.

Il 21 ottobre, mattina e pomeriggio, Sua Santità il Dalai Lama darà insegnamenti, mentre la mattina del 22 ottobre, conferirà un’iniziazione e nel primo pomeriggio terrà una conferenza pubblica.
Vi preghiamo di aiutarci nel diffondere la notizia dell’evento sin da subito affinché più gente possibile possa organizzarsi per partecipare.

Ulteriori informazioni sull’evento verranno comunicate e pubblicate al più presto sul sito dell’evento www.dalailama-milano2016.org <http://www.dalailama-milano2016.org> .

Un cordiale saluto a tutti,
Ghe Pel Ling