Leggere

Estensione di memoria

Di tutti gli strumenti dell’uomo il più stupefacente è, senza dubbio, il libro. Gli altri sono estensione del suo corpo. Il microscopio… l’aratro e la spada… Ma il libro è un’altra cosa: il libro è un’estensione della memoria e dell’immaginazione. Che altro è, difatti, il nostro passato se non un insieme di sogni? Che differenza può esserci tra ricordare i sogniE ricordare il passato? Questa è la funzione cui assolve un libro.
Jorge Luis Borges, El libro, 1979

Murales milanese

Libri

Bisognerebbe leggere, credo, solo i libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggerlo? Affinché ci renda felici, come scrivi tu? Dio mio, felici saremmo anche se non avessimo libri, e i libri che ci rendono felici potremmo eventualmente scriverli noi. Ma abbiamo bisogno di libri che agiscano su di noi come una disgrazia che ci fa molto male, come la morte di uno che ci era più caro di noi stessi, come se fossimo respinti nei boschi, via da tutti gli uomini, come un suicidio, un libro deve essere la scure per il mare gelato in noi. Questo credo.

Franz Kafka, Lettere, Mondadori, 1988

 

Domani 50 anni.

E tanti libri che mi hanno morso, punto. E stimolato.

ad maiora

Italia Under 17 femminelle

Domani, a Dribbling, protagonista la nazionale Under 17 femminile

Domani, sabato 15 aprile, andrà in onda a Dribbling su Rai2, alle 13.30, lo speciale che ho realizzato in Inghilterra con la nazionale Under 17 femminile.

È stata una delle esperienze che mi ha più coinvolto in questi ultimi anni e spero che ciò si percepisca nel lavoro finale .
Spero soprattutto che sia un altra picconata all’italico pensiero unico che il calcio può essere solo uno sport “da maschi”.

Un grazie alle protagoniste e ai protagonisti della trasferta inglese.
L’allenatrice Rita Guarino in grado di motivare anche la porta dello spogliatoio… Il suo vice Massimo Migliorini bravissimo a sostenere le ragazze. E poi lo staff, per una volta ripreso grazie al dietro le quinte: Daniela Censini, Franco Olivieri, Cristiano Viotti, Piergiorgio Drogo, Lorenzo Proietti, Daniele Frosoni, Marco Mannucci, Tiziana Calandro e Monica Tamburri, oltre al mitico Natale Dott Gentile (lo sentite invocato dalle ragazze nella clip qui sotto) e alla gentilissima Annarita Stallone.

Ma le vere star del servizio sono le grintosissime ragazze dell’Under 17: Roberta Aprile, Gloria Ciccioli, Camilla Forcinella, Elena Crespi, Maria Luisa Filangeri, Sofia Meneghini, Nadine Nischler, Vanessa Speranza Panzeri, Chiara Ripamonti, Bianca Bardin, Giada Greggi, Elena Nichele, Maddalena Porcarelli, Martina Tomaselli, Sara Baldi, Asia Bragonzi, Federica Cafferata, Angelica Soffia e la capitana (si dice così?) Elisa Polli.
Il vostro cammino (sportivo e non solo) è appena iniziato. Continuate cosi!

Ad maiora

Gabbiano che vola

Non aio gana di parlari

Arrivò a Marinella che erano squasi le sei di sira. Era un bellissimo tramonto. Montalbano sintì che la tensione nirbùsa gli s’allintava appena che s’assittò supra alla virandina.

Ristò ‘mmobili a respirari, senza aviri manco la forza di ‘nfilari ‘na mano in sacchetti e tirari fora il pacchetto di sicarette. Era accusì ‘mmobili che ‘na palumma si vinni a posari supra alla ringhiera della virandina. Passiò tanticchia avanti e narrè, po’ si fermò a tagliarlo.

“Non aio gana di parlari” fici Montalbano mentre che sintiva che gli occhi accomenzavano a farigli pampineddra.

La palumma si nni volò via.

Montalbano chiuì l’occhi.

……………..

Andrea Camilleri, L’altro capo del telefono, Sellerio, 2016

Granchio

Il grancio e l’Europa

“Chi nni pensi tu dell’Europa?” spiò al grancio che dallo scoglio allato lo stava a taliare.
Il grancio non gli arrispunnì.
“Prifirisci non compromittiriti? Allora mi compromitto io. Io penso che doppo il granni sogno di ‘st’Europa unita, avemo fatto tutto il possibili e l’impossibili per distruggirinni le fondamenta stisse. Avemo mannato a catafottirisi la storia, la politica, l’economia ‘n comuni. L’unica cosa che forse restava ‘ntatta era l’idea di paci. Pirchì doppo avirinni ammazzati per secoli l’uni contro l’autri non nni potivamo cchiù. Ma ora ce lo semu scordati, epperciò stamo attrovanno la bella scusa di ‘sti migranti per rimittiri vecchi e novi confini coi fili spinati. Dicino che tra ‘sti migranti s’ammucciano i terroristi ‘nveci di dire che ‘sti povirazzi scappano proprio dai terroristi”.
Il grancio che non voliva esprimiri la sò pinioni prifirì sciddricari nell’acqua e scompariri.

Andrea Camilleri, L’altro capo del filo, Sellerio, Palermo, 2016

Orfani bianchi

Gli “Orfani bianchi” di cui non ci accorgiamo

Un libro funziona quando finisci per pensare a ciò che hai letto anche quando stai camminando per strada. Mi è capitato qualche giorno fa leggendo “Orfani bianchi” di Antonio Manzini. A un certo punto svoltando su corso Sempione sono incappato in questa pubblicità casereccia, appiccicata con lo scotch a un palo della luce.

Affittasi posto letto

E quella stanza condivisa mi ha fatto subito tornare alla mente Mirta la protagonista di questo romanzo dell’autore che ha inventato il commissario Schiavone. In questo “Orfani bianchi” non ci sono gialli o casi di polizia, ma il racconto della vita di una delle invisibili che lasciano i figli a casa e attraversano l’Europa per venire a fare le badanti ai nostri anziani.

Mirta è una di queste. Una delle tante ragazze madre che cercano fortuna all’estero per cercare di sbarcare il lunario, per sé e per il resto della famiglia. Mirta per partire, dopo la morte dei nonni, deve lasciare il figlio in un Internat. Anni fa ne visitai alcuni, proprio in Moldova (il paese d’origine della protagonista del libro). Eredi degli orfanotrofi sovietici, questi Internat sono posti dove non è proprio il massimo crescere. In tanti paesi dell’Est vi sono ospitati ragazzi che hanno ancora i genitori, ma i cui padri sono spesso alcolizzato e spariti nel nulla, con le madri costrette a lavorare all’estero per poter guadagnare abbastanza per cercare di costruire un futuro. Bimbi che vengono definiti “orfani bianchi”, perché i genitori non possono accudirli.

Manzini racconta soprattutto la dura vita delle badanti alle prese con famiglie scorbutiche, con anziane che chiedono di morire, con una società razzista quanto basta. A un certo punto Mirta, stufa delle vessazioni, sta per cedere allo sconforto: «No, non ce la poteva fare. Anche i bersagli alla lunga si stancano di essere centrati da frecce e proiettili. Non che pretendesse un grazie, un encomio, una carezza. Ogni tanto sarebbe bastata una parola gentile. Quell’incubo doveva finire. Stare a servizio in case sconosciute, con persone sconosciute con le quali non aveva niente da dividere non era vita». Insomma, uno spaccato (nascosto) della società in cui viviamo. Un libro amaro che fa riflettere (e arrabbiare).

Ad maiora

…………………..

Antonio Manzini

Orfani bianchi

Chiarelettere 2016

Pagg. 240

Euro 16

Torto marcio copertina

Torto marcio, bel noir milanese

Ogni volta che esce un nuovo libro di Alessandro Robecchi non vedo l’ora di finire il volume che ho sul comodino per potere iniziare a leggere questo nuovo giallo. E anche questo noir, sempre ambientato a Milano, non ha tradito le aspettative. Anzi, con “Torto marcio”, Robecchi ha, a mio giudizio, fatto un salto di qualità.

Robecchi è in grado, come pochi, di raccontare una Milano non da cartolina (anzi, non da Instagram). È qui che si ambientano tutti i suoi gialli ed è qui che si concentra anche questo “Torto marcio”, dove si susseguono omicidi.

Da sempre le sue pennellate lasciano un segno, caustico: «Alle tre e un quarto via Angelo Mauri era tranquilla e di nuovo deserta, solo con qualche finestra illuminata più del solito, perché non tutti erano pronti ad andare a dormire dopo aver visto il sangue sotto casa. E dove siamo, eh? A Napoli? A Bogotà? Il custode della scuola aveva chiesto se poteva lavare il marciapiedi, che domani i ragazzini… Carella aveva detto sì e quello era uscito con un tubo verde. Tre ora dopo l’omicidio non c’erano più tracce, né segni, nemmeno quelli col gesso, spariti dopo quel violento lavaggio. Cancellare. Dimenticare in fretta. Sbrigarsi. Milano». (Anche dopo la strage di Piazza della Loggia, a Brescia, i vigili del fuoco cancellarono ogni traccia a poche ore dalla bomba: ma in quel caso la fretta non era dettata dalla necessità di tornare presto alla normalità, ma di ostacolare il prima possibile le indagini).

I personaggi ideati da Robecchi, in questa vicenda, hanno a che fare con tre omicidi in serie. Tutti firmati allo stesso modo: con un sasso sul cadavere. Una firma perfetta (nella finzione fin troppo plausibile) per scatenare una tempesta mediatica, tra trasmissioni dedicate e giornali scandalistici (averne di non scandalistici, ormai).

L’intrigo anche a livello poliziesco è interessante e la squadra di agenti che opera (prendendosi le ferie) davvero credibile. Questa volta sembra un po’ forzata invece la presenza di Carlo Monterossi, produttore televisivo che odia la tv e che come la signora Fletcher incappa in ogni caso di cronaca nera che accade a Milano.

Il resto è invece delizioso e godibile (e forse meriterebbe una trasposizione televisiva).

Quando si torna ad appoggiare il libro sul comodino (prima di finire in libreria accanto agli altri volumi, “Questa non è una canzone d’amore”, “Dove sei stanotte” e “Di rabbia e di vento” tutti Sellerio) si comincia a sospirare nell’attesa di quando uscirà la prossima storia robecchiana.

Ad maiora

 

…………………………..

Alessandro Robecchi

Torto Marcio

Sellerio, Palermo 2017

Pagg. 421

Euro 15

Promessa di matrimonio

Lui continuò a leggere: «Nella malattia e nella malattia. È questo che vi auguro. Non cercate e non aspettatevi miracoli. Non ci sono miracoli. Non più. E non ci sono rimedi per le ferite che feriscono di più. C’è solo la medicina di credere nel dolore dell’altro e di esserci».

Jonathan Safran Foer, Eccomi, Guanda, Milano, 2016

L’ultima volta

Nessun lattante sa che è l’ultima volta che gli viene tolto di bocca il capezzolo. Nessun bambino sa che è l’ultima volta che chiama sua madre “mami”. Nessun ragazzino sa che il libro si sta chiudendo sull’ultima fiaba della buona notte che gli sarà mai letta. Nessun fratello sa che la vasca si sta riempiendo per l’ultimo bagno che farà mai col fratello. Nessun ragazzo sa, la prima volta che arriva al culmine del piacere, che da quel momento tutto per lui sarà collegato al sesso. Nessuna donna, sulla soglia della pubertà sa, mentre dorme, che ci vorranno quattro decenni prima che si svegli di nuovo infertile. Nessuna madre sa che sta sentendo la parola “mami” per l’ultima volta. Nessun padre sa che il libro si è chiuso sull’ultima fiaba della buona notte che leggerà mai.

Jonathan Safran Foer, Eccomi, Guanda, Milano, 2016

Shabbat spaziale

In un qualunque momento, nel mondo ci sono quaranta orari diversi. Altro fatto interessante: la Cina una volta aveva cinque fusi orari, ma adesso ne ha solo uno e per alcuni cinesi il sole non sorge prima delle dieci. Un altro: molto prima che l’uomo viaggiasse nello spazio, i rabbini discutevano di come osservare lo Shabbat lassù: non perché prevedessero viaggi spaziali, ma perché mentre i buddhisti aspiravano a convivere con le domande, gli ebrei piuttosto ne morirebbero. Sulla Terra, il sole sorge e tramonta una volta al giorno. Un’astronave completa un’orbita intorno alla Terra ogni novanta minuti, il che richiederebbe uno Shabbat ogni nove ore. Una linea di pensiero sosteneva che gli ebrei semplicemente non dovrebbero andare in un posto che solleva dubbi sulla preghiera e l’osservanza. Un’altra che gli obblighi terrestri sono legati alla Terra: quello che succede nello spazio rimane nello spazio. Alcuni sostenevano che un astronauta ebreo dovesse comportarsi come se si trovasse sulla Terra. Altri che lo Shabbat andasse osservato in base all’ora su cui era regolata la strumentazione, nonostante la città di Houston fosse ebrea più o meno quanto lo spogliatoio della sua squadra di basket. Due astronauti ebrei sono morti nello spazio. Nessun astronauta ebreo ha osservato lo Shabbat.

Jonathan Safran Foer, Eccomi, Guanda, Milano, 2016