Tag Archives: Bielorussia

Uralkali, da Kerimov a Prokhorov

uralkali-potash
L’azienda russa, tra i maggiori produttori mondiali di fertilizzanti, vede uscire dai proprietari Sulejman Kerimov ed entrare Michail Prochorov. Il tutto per accontentare i bielorussi, in una sfida tra i due paesi che va avanti da mesi.

Da notare che Kerimov è il proprietari dell’Anzhi, la squadra di calcio (russa, anzi daghestana) dove andò Eto’o dopo l’Inter.

E Prokhorov è il proprietario della squadra Nba, Brooklyn Nets. Ma soprattutto è stato uno dei candidati (dell’opposizione!) a sfidare alle presidenziali Putin. Che ora lo manda a gestire questo importante nodo economico…
Ad maiora

Gli animalisti denunciano: in Bielorussia è caccia a cani e gatti randagi

Gatto randagio di MinskA Minsk, capitale della Bielorussia, le autorità cittadine stanno sigillando gli scantinati, condannando alla morte per fame cani e gatti randagi che vi trovano rifugio.

A denunciarlo Elena Titova, leader del gruppo Protect Life che difende i diritti degli animali, che stima negli ultimi tra anni siano stati così circa 9.000 randagi. “Uccidere gli animali impunemente è diventata una politica di governo”, ha attaccato la Titova per la quale la filosofia che sta dietro a questo progetto è: “Nessun animale, nessun problema”.

Gli interventi sugli scantinati rispondono a normative sanitarie ereditate dall’Urss e dovrebbero servire a combattere i topi. Alcuni residenti hanno perforato più grandi fori nelle piastre di ferro per consentire ai gatti di fuggire.

In Bielorussia non esistono dei rifugio che ospitino a lungo i randagi catturati. Mantenendo il regolamento sovietico, questi animali vengono soppressi mediante iniezione se non si presenta il proprietario a reclamarli entro cinque giorni.

Ad maiora

Manifestazione di protesta in Bielorussia

Migliaia di persone sono scese in piazza a Minsk, capitale bielorussa, per contestare Lukashenko e il suo regime:
http://www.lapresse.it/mondo/europa/bielorussia-in-migliaia-manifestano-a-minsk-contro-il-governo-1.141030
Per una volta il presidio (pacifico come sempre) è stato autorizzato. Salvo che i manifestanti sono stati perquisiti e fotografati.
Qui il video:
http://it.video.yahoo.com/notizie-1300256/mondo-5212457/bielorussia-migliaia-in-piazza-contro-lukashenko-28726046.html

Ad maiora

20120326-175343.jpg

La madre di uno dei “giustiziati” in Bielorussia rifiuta le condoglianze di Lukashenko

La madre di uno dei due ragazzi “giustiziati” dalla Bielorussia qualche giorno fa ha respinto le “condoglianze” (televisive) di Lukashenko che ha parlato di “vera tragedia”. Il padre padrone del paese ha spiegato di non aver potuto concedere la grazia per la gravità delle accuse.
Lyubav Kovalyova ha spiegato che Lukashenko sapeva che i due ragazzi erano innocenti: “E’ come se prima gli abbia sparato alla testa e poi esprimesse condoglianze”.
il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha condannato l’esecuzione:

http://www.chicagotribune.com/sns-rt-belarus-executionl6e8el9qp-20120321,0,4300165.story?page=1

Ad maiora

20120322-073242.jpg

Giustizia in salsa bielorussa: non restituiti i corpi dopo l’esecuzione

Non bastasse il duplice omicidio di stato (al termine di un processo con un solo grado di giudizio) la Bielorussia si conferma per quel che è. Non restituendo il corpo dei due ragazzi condannati a morte ai familiari:
http://www.amnesty.it/Bielorussia-fucilati-due-prigionieri-i-loro-corpi-non-vengono-restituiti

La Bielorussia è l’unico paese ex sovietico ed europeo dove non si sono mai fermate le uccisioni di stato.
Nella non restituzione del corpo ai familiari ha invece – in zona – fatto scuola la Russia di Putin.
Chiunque abbia letto articoli o libri di Anna Politkovskaja sa che i soldati russo hanno sempre mercanteggiato per la restituzione dei cadaveri ai parenti di terroristi o presunti tale.
La Russia in quanto stato ha invece deciso di non restituire ai familiari il corpo di uno dei leader del (tentativo di) indipendenza cecena: Aslan Mashkadov:
http://it.m.wikipedia.org/wiki/Aslan_Maschadov
Ucciso in uno scontro a fuoco nel 2005, è tuttora ignoto il luogo di sepoltura.
Barack Obama non ha voluto essere da meno annunciando, quasi un anno fa, la “sepoltura in mare” di Osama bin Laden.
Ad maiora.

20120321-130619.jpg

Esecuzioni in Bielorussia. Mosca chiede moratoria

Mentre il resto dell’Europa dorme (e non è il sonno dei giusti) la Russia si fa sentire con Minsk sulla duplice condanna a morte di due ragazzi eseguita qualche giorno fa.
Il ministro degli Esteri Serghei Lavrov chiede immediata moratoria:
http://en.rian.ru/russia/20120320/172277933.html
In Italia, radicali a parte (e un tardivo articolo sul Corriere), poche le reazioni alla duplice condanna a morte (per la strage nella metro di Minsk).
Ad maiora

20120320-083050.jpg

Bielorussia, e la duplice esecuzione di stato

Un colpo di pisola alla nuca poi una lettera ai genitori per informarli della duplice esecuzione. Così la Bielorussia è tornata ad eseguire condanne a morte contro i due ragazzi (Uladzislau Kavaliou e Dimitri Kanavalau) condannati per l’attentato alla metropolitana di Minsk (che causò 15 morti):
http://www.rferl.org/content/in_wake_of_belarus_executions_doubts_about_judicial_process/24520661.html
Genitori e amici continuano a non credere nella colpevolezza dei due.
Uccisi dallo stato (non merita la maiuscola) subito dopo che il padre-padrone della Bielorussia Lukashenko (chi?) ha negato la grazia e la trasformazione della condanna in ergastolo.
Ad maiora

20120319-201338.jpg

Condanne a morte in Bielorussia? E chi se ne frega

Dall’ultima dittatura d’Europa arriva questa mattina la notizia della seconda condanna a morte eseguita in Bielorussia per l’attentato alla metropolitana di Minsk che costò la vita, l’11 aprile di un anno fa, a 15 persone.

A nulla sono servite le pressioni dell’Unione europea e delle organizzazioni per i diritti umani che avevano chiesto a Lukashenko di sospendere le condanne a morte. Tra i 15 stati emersi dal crollo dell’Urss, la Bielorussia è l’unica che continua con le uccisioni di Stato.

I risvolti e le motivazioni dell’attentato non furono peraltro mai chiariti. Le opposizioni hanno sempre sospettato fosse un complotto (in stile siriano per intendersi) per stringere ancora di più le maglie del regime.

Ieri è stato “giustiziato” Vladislav Kovalev. Oggi la tv di stato ha annunciato l’esecuzione anche del suo amico Dimitri Kanavalau.

C’è da dire che la stampa italiana in edicola questa mattina ha superato sé stessa, quanto a provincialismo e disinteresse.

Questo lo spazio dedicato all’esecuzione in Bielorussia di ieri:

Il Giornale: righe 0

Il Fatto: 0

Il Corriere della sera: 0

La Repubblica : 0

Il Sole 24 ore: 0

Il Giorno: 0

Vedremo se domani si accorgeranno della duplice esecuzione.

Ad maiora.