La sera prima della manifestazione che dovrebbe portare in piazza decine di migliaia di persone (l’hanno chiamata Marcia dei milioni sull’onda di un sano – o insano – entusiasmo) alcuni esponenti dell’opposizione al putinismo si sono trovati un cinema moscovita (il bel “35 mm”, dove è da poco andato in scena la quindicesima edizione del Festival del cinema italiano).
La pellicola che veniva proiettata era significativa: L’onda verde.
Questo l’inizio:

Il film (visto la scorsa estate al Milano Film Festival) racconta la stagione della rivoluzione democratica (non-violenta) iraniana, repressa nel sangue dal regime di Ahmadinejad.
Non so che lezione ne trarranno gli oppositori al regime putiniano. La loro rivoluzione bianca si è caratterizzata per un’indole pacifica.
Domani comunque sembra che qualche frangia più radicale cercherà di violare le strette regole del corteo con comizio finale.
Staremo a vedere.
Ad maiora

20120505-231726.jpg

# # # # #

5 maggio 2012