Ottavio Bianchi e lo scudetto seduto sul Vulcano

Lo chiamavano Tatanka, un operaio in campo