Il saluto di Brevik e quello de L’onda