Lo chiamavano Tatanka, un operaio in campo