Lezione elettorale 2: marginalità della chiesa