Il capro espiatorio leghista torna a presiedere il Senato