Tag Archives: Resistenza

25 aprile

Ciao zio Ermanno.

74 anni fa, insieme ad altri tre partigiani piacentini, fosti fucilato da fascisti e tedeschi. Tu di anni ne avevi solo 18, con tutta la vita davanti a te.

Oggi, anche grazie al tuo sacrificio, l’Italia è libera. E migliaia di persone, come ogni anno, sono in piazza a Milano e in tutto il paese.

Non ti ho dimenticato.

Non vi abbiamo dimenticati. E mai lo faremo!

Buon 25 aprile a tutti!

Se c’è una cosa che ho imparato nella vita è che bisogna trovare la pazienza di aspettare i morti”. Bachtyar Ali, L’ultimo melograno (bel romanzo di Chiarelettere sui partigiani curdi).

Ad maiora

La liberazione sarà rapida

Non c’è bisogno di un carro armato o di un aereo per uccidere un uomo. Basta un coltello da cucina. Quando tutti coloro che ne hanno abbastanza dei boia nazisti si leveranno insieme, mentre le forze armate infliggeranno il colpo decisivo, la liberazione sarà rapida. Bisogna solo stare attenti, fino ad allora, a non sprecare vite umane inutilmente e al tempo stesso a non cadere nell’inerzia, a non credere che la liberazione sarà compiuta da altri. Bisogna che ognuno sappia che un giorno avrà la responsabilità di prendervi parte e si tenga pronto.
Simone Weil, Sulla guerra
Ad maiora

Resisterai, le partigiane raccontano la loro lotta

20130424-135951.jpg
Dire che ho moderato l’incontro sulle donne della Resistenza, organizzato dal gruppo Pari opportunità della Rai di Milano, è un generoso eufemismo.
La forza d’animo di Antonietta Romano Bramo (nome di battaglia Fiamma), Filomena D’Ambrosio Paladini (Lena) e Bianca Orsi (Sonia) ha preso decisamente il sopravvento rispetto a ogni mia possibile domanda, a ogni spunto che mi ero immaginato organizzando l’incontro.
Quelle tre fantastiche donne (nate tra il 1915 e il 1925) hanno contribuito a sconfiggere fascisti e nazisti. Non hanno bisogno di stimoli per raccontare quel che hanno fatto prima, durante e dopo l’armistizio.
“Resisterai” questo il titolo della manifestazione aveva la sua forza intrinseca nella scelta di raccontare la guerra di liberazione fatta dalle donne. Quella metà di popolazione che ancora non ha avuto accesso alla più alta carica dello Stato, ma che in quegli anni hanno contribuito alla nascita della Repubblica, conquistando (con le armi) il diritto al voto.
Oggi Fiamma, Lena e Sonia saranno in piazza per ricordare la liberazione ottenuta nel 1945. Bianca Orsi dice che ogni volta che inizia l’anno (sarà il suo 98esimo questo) pensa al 25 aprile e comincia mentalmente a cantare “Bella ciao”.
E allora non posso che chiudere questo post con la banda del Comune di Milano che intona il canto della resistenza:

Lo stesso che risuonerà oggi, tra corso Venezia e piazza del Duomo.
Ad maiora