Ottavio Bianchi e lo scudetto seduto sul Vulcano